Materassi Simmons Roma
Via Tuscolana, 225 – 00181 Roma - 06 320 91 470

Rete a doghe 20LG

La rete a doghe può modificare il livello di rigidità e il grado di comfort di ogni materasso. TECHNO™ indica le variazioni di comodità e rigidità dei materassi in funzione dell’abbinamento con lo specifico modello.

Categoria:

Descrizione

Telaio con struttura in legno multistrato di faggio con profilo maggiorato. Nelle versioni Elettrica e Manuale il telaio è a doppia struttura. Angoli con inserti in SBS anticigolio. Nelle versioni Manuale e Fissa stabilizzatore trasversale in legno nella zona centrale (1 fino a larghezza cm 120 – 2 oltre cm 120). Piedi conici in faggio.

Le 26 doghe (nella lunghezza rete di cm 190) in multistrato di faggio evaporato e curvato a caldo da mm 38×8 sono montate su speciali sospensioni elastiche basculanti in SBS per assicurare un molleggio anatomico resistente a qualsiasi sollecitazione.

Calibrata rigidità delle doghe (color carbonio) nelle zona spalle; nella zona lombo-sacrale le doghe (4 nelle versioni Elettrica e Manuale, 6 nella versione Fissa) sono dotate di cursori per la regolazione della rigidità in rapporto al peso corporeo e in funzione della posizione di riposo usuale.

INDICAZIONI GENERALI
• Reti a doghe strette basculanti (mm 38):
aumentano il comfort del materasso se il materasso non è eccessivamente rigido. I cursori regolatori permettono di variare il grado di rigidità nella zona centrale.
• Reti a doghe fisse (mm 68):
garantiscono un ottimo sostegno alla schiena senza alterare nè la rigidità nè il comfort del materasso.
I regolatori permettono di variare il grado di rigidità nella zona centrale.
• Reti a doghe larghe (mm 200):
aumentano la rigidità del materasso lasciando inalterato il comfort.
• Reti con movimento:
da utilizzare esclusivamente con materassi appositamente progettati per l’uso con questo tipo di base. Evitare l’uso con materassi di lana e a molle non specificamente progettati per questo utilizzo.
• Rete metallica:
evitare l’utilizzo con qualsiasi tipo di materasso a causa dell’effetto “amaca”.